mercoledì 15 novembre 2017

Quattro motivi della rapida diffusione dell'islam


Questo è un articolo relativo alla diffusione del primo islam. L'autore è David Wood, questo è il link all'originale in inglese:

Quattro motivi della rapida diffusione dell’islam

I musulmani spesso citano la precoce diffusione dell’islam come una prova della sua origine divina. Se è vero che storicamente l’islam si è diffuso rapidamente, tuttavia molti musulmani (e anche non musulmani) hanno una visione distorta delle cause della diffusione. Ad esempio, in una popolare opera apologetica, Mawdudi afferma che l’islam si sarebbe diffuso grazie all’eloquenza e alla forza di convinzione di Maometto:

  1. Quando Maometto iniziò a predicare il suo messaggio, suscitò grande impressione e meraviglia in tutta l’Arabia, colpita dalla sua magnifica eloquenza e oratoria. Egli fu così potente e accattivante che i suoi peggiori nemici avevano paura di sentire la sua parola, poiché essa penetrava nel profondo dei loro cuori e li trasformava facendo loro dimenticare la vecchia religione e cultura… Egli si presentò come un politico illustre, un grande condottiero, un giudice supremo e un inimitabile generale…. Una nazione, che per secoli non aveva prodotto un solo grande uomo degno di questo nome, cominciò a generare, grazie al suo influsso e alla sua guida, migliaia di anime nobili che avrebbero attraversato i quattro angoli della terra per predicare e insegnare i principi della religione, della morale e della civiltà. Egli realizzò questa impresa non con l’inganno, l’oppressione o la crudeltà, ma grazie ai suoi modi accattivanti, alla sua personalità seducente, e alla forza di convinzione dei suoi insegnamenti. Con il suo comportamento nobile e gentile Maometto convinse anche i nemici. Catturò i cuori delle genti con la sua simpatia e la sua umanità senza limiti… la sua personalità potente lasciò un’impronta permanente nel cuore di migliaia di discepoli e li plasmò secondo la sua volontà… Esistono altri esempi di personaggi storici di eguale distinzione, un altro rivoluzionario di pari luce e splendore?i

Mawdudi trova impressionante la conversione dei primi musulmani grazie all’eloquenza e oratoria di Maometto, alle suoi modi accattivanti e alla forza di convinzione dei suoi insegnamenti. In realtà sono ragioni deboli: molti tedeschi si sono convertiti al movimento politico di Adolf Hitler per le stesse ragioni. Tuttavia, se anche fossero motivazione valide, Mawdudi ci presenta un quadro incompleto. Ci sono state molte altre ragioni che hanno portato al successo dell’islam, ma i musulmani comprensibilmente si vergognano di riconoscerle. Diamo una spiegazione di quattro di esse:

Primo motivo: la capacità di Maometto di instillare l’odio nei suoi seguaci
Storicamente ci fu almeno una persona che fu talmente impressionata dalla capacità dell’islam di ispirare gli uomini all’omicidio senza scrupoli da considerarla una prova della sua verità.

L’apostolo disse: “Uccidete ogni ebreo in vostro potere”. Perciò Muhayyisa bin Mas’ud saltò addosso a Ibn Sunayna, un mercante ebreo con cui era in rapporti sociali e di affari, e lo uccise. All’epoca Huwayyisa, il fratello maggiore, non era un musulmano. Dopo che Muhayyisa ebbe ucciso l’ebreo, Huwayyisa cominciò a picchiarlo dicendo: “Nemico di Dio, hai ucciso chi ti portava ricchezza e ti ingrassava? ” Al che Muhayyisa rispose” Se colui che mi ha ordinato di uccidere l’ebreo mi avesse ordinato di uccidere te, io ti avrei tagliato la testa”. Ciò fu l’inizio dell’accettazione dell’islam da parte di Huwayyisa. Infatti domandò: “Per Dio, se Maometto ti avesse ordinato di uccidermi, tu l’avresti fatto?” Rispose: “Sì, per Dio, se mi avesse detto di tagliarti la testa, l’avrei fatto.” Allora Huwayyisa esclamò: “Per Dio, una religione che ti porta a fare questo è meravigliosa!” E divenne musulmano.ii

In questo brano, Maometto dice ai suoi seguaci di “uccidete ogni ebreo in vostro potere”. Muhayyisa, seguendo gli ordini di Maometto, uccide un mercante ebreo di nome Ibn Sunayna. Huwayyisa non capisce come sia possibile che Muhayyisa possa avere fatto senza scrupoli una cosa del genere ad un amico di famiglia, e Muhayyisa si giustifica dicendo che è stato Maometto ad ordinarglielo e che, se Maometto glielo chiedesse, sarebbe pronto ad uccidere chiunque, persino un componente della sua famiglia. Huwayyisa è talmente colpito dalla volontà di seguire ciecamente gli ordini di Maometto che si converte all’islam, esclamando: “Per Dio, una religione che ti porta a fare questo è meravigliosa!”
L’ammirazione di Huwayyisa per la totale adesione del fratello è stata probabilmente condivisa da molti nella prima fase dell’Impero islamico. Giovani senza guida si trasformarono improvvisamente in ardenti sostenitori del nuovo sistema di fede, e disposti a fare qualunque cosa per il loro profeta, ragionando che sicuramente ci sarà stato qualcosa di speciale in quella nuova religione. Ma la fede degli adepti non è una prova infallibile della verità di un sistema di pensiero. Se fosse così , dovremmo concludere che il cristianesimo, l’islam, il buddismo, il mormonismo, il comunismo e il nazismo sono tutti veri, perché tutti questi sistemi hanno prodotto convinti aderenti.

Secondo motivo: profezie esplicitamente false
Furono in molti ad essere impressionati dalle parole di Maometto. Sembrava conoscere tutto, e rispondeva con sicurezza a domande a cui nessun altro sapeva dare risposta. Il problema è che molte delle sue risposte si sono rivelate completamente false. Considerate questo esempio:

Quando Abdullah bin Salama ebbe udito dell’imminente arrivo del Profeta (sia su di lui la benedizione e la pace di Allah) a Medina, andò da lui e gli disse “ Vorrei chiederti tre cose che nessuno può sapere se non un profeta: “Qual è il primo portento dell’Ora? Qual è il primo pasto consumato dagli uomini in paradiso? Perché un bambino assomiglia a suo padre e al suo zio materno?”
L’apostolo di Allah (sia su di lui la benedizione e la pace di Allah) rispose “Gabriele mi ha dato le risposte”… il primo portento dell’Ora sarà un fuoco che avvolgerà la gente da oriente a occidente; il primo pasto in paradiso sarà lobo di fegato di pesce. Per quanto riguarda la somiglianza di un bambino ai suoi genitori, se un uomo ha un rapporto sessuale con una donna e ha delle perdite per primo, il bambino somiglierà al padre. Se è la donna ad avere perdite per prima, il figlio somiglierà a lei.” Al che Abdullah bin Salam disse: “Rendo testimonianza che sei profeta di Allah”iii

Qui a Maometto vengono poste tre domande 1) Qual è il segno dell’inizio della fine dei tempi? 2) Quale sarà il primo pasto in paradiso? 3) Come mai un figlio a volte somiglia al padre, altre volte alla famiglia della madre? Osserviamo che le prime due risposte – un grande fuoco alla fine dei tempi e fegato di pesce in paradiso – non sono falsificabili, cioè è impossibile provare che siano giuste o sbagliate. Maometto avrebbe potuto affermare qualunque cosa, che il Portento dell’Ora consisterà in tre rane che recitano il Corano, o che il primo pasto in paradiso sarà un panino con burro di arachidi e marmellata. In altri termini, non possiamo sapere se le risposte di Maometto siano o no corrette, perché non c’è possibilità di verifica. Invece la terza risposta è falsificabile, possiamo verificarla alla luce della scienza moderna. Come ne esce? Non molto bene. Le donne non hanno “perdite” che influiscono sull’aspetto dei loro figli, ma ovuli. Inoltre, tale aspetto non dipende da chi dei due genitori ha per primo una “perdita”. La risposta di Maometto è completamente falsa.
Ma osserviamo che la risposta gli ha fatto avere la conversione di un ebreo importante, colpito dalla brillantezza di Maometto. Infatti una delle sue maggiori caratteristiche era la fiducia totale che esibiva nelle risposte, anche se queste in realtà erano sbagliate. La sicurezza con cui parlava faceva credere che dicesse cose vere, ma non era così. Forse la conseguenza più interessante della predicazione di Maometto è che i musulmani non si sono mai scrollati di dosso la soggezione nei suoi confronti, anche se molte sue pretese si sono rivelate false. Ancora oggi i musulmani hanno una grande fiducia mal riposta nei detti del loro profeta, e le risposte di Maometto fanno ancora proseliti.


Terzo Motivo: avidità senza limiti
Maometto faceva allettanti promesse a chi si univa a lui in battaglia:

Maometto disse “Essere Combattente per la Causa di Allah – e Allah conosce meglio chi veramente combatte la sua causa – è come una persona che digiuna e prega continuamente. Allah ha promesso che ammetterà il Combattente per la sua Causa in paradiso se verrà ucciso, e se invece ritornerà a casa salvo Allah lo ricompenserà con il bottino di guerra.” iv

Maometto disse: “Cosroe sarà rovinato, e non ci sarà un altro Cosroe dopo di lui, e Cesare sarà rovinato, e non ci sarà altro Cesare dopo di lui, e voi potrete usare i loro tesori per la causa di Allah.” v

Se un pagano del settimo secolo avesse lasciato l’islam, non avrebbe guadagnato nulla. Avrebbe potuto restare povero per tutta la vita, e non conoscere la sua sorte dopo la morte. Invece Maometto prometteva che se una persona fosse morta combattendo i nemici dell’islam, sarebbe andata in paradiso, e se invece fosse sopravvissuta, sarebbe ritornata a casa e “Allah lo ricompenserà con il bottino di guerra”. In ogni caso per il pagano c’era maggior guadagno a diventare musulmano, anche dal punto di vista finanziario.

La promessa di ricompense e di bottini è stata un fattore fondamentale nella fase iniziale di diffusione dell’islam. Infatti, Maometto ha sfruttato l’esca del bottino di guerra come strategia per favorire le conversioni. Ad esempio, quando Maometto venne accusato di distribuire il frutto dei saccheggi in modo irregolare, egli rispose “ Avete la mente offuscata per tutti i benefici con cui io conquisto coloro che potranno diventare musulmani, mentre vi rafforzo nell’islam”. vi Imam Muslim aggiunge “Quando il messaggero di Allah (sia la pace su di lui) conquistò Hunain egli distribuì il bottino, e lo elargì a coloro i cui cuori voleva conquistare.” vii

Le promesse di ricchezza di Maometto erano così notevoli che, quando sopraggiunsero difficoltà, i suoi seguaci a volte si lamentarono che non manteneva ciò che aveva promesso:

La situazione divenne seria e la paura si diffondeva. Arrivò contro di loro il nemico da sopra e da sotto e i credenti cominciarono a pensare cose vane, e crebbe la sfiducia fra gli sfiduciati al punto che Ma’attib bin Qusyahr, fratello di B. Amr bin Auf, disse: “Maometto era solito prometterci che avremmo divorato i tesori di Cosroe e Cesare e oggi nessuno di noi non è nemmeno sicuro di poter andare alla latrina!” viii

Questi brani mostrano l’importanza che la promessa di ricchezza e il bottino hanno avuto come motivo di conversione. Maometto promette ai suoi seguaci che avrebbero messo le mani sui tesori di Cesare (cioè dell’Impero Romano). Egli distribuiva il bottino di guerra dopo ogni campagna militare, ed usava il denaro per guadagnare convertiti. Perciò molti musulmani abbracciarono la religione per motivi disonorevoli, e Maometto non vedeva nulla di sbagliato in queste conversioni.

Quarto motivo: paura della morte

La personalità, l'eloquenza e la forza di persuasione di Maometto ebbero certamente un ruolo importante nella conversione all’islam. Tuttavia Maometto ebbe pochi sostenitori nella diffusione dell’islam quando si basava solo sulla sua “personalità vincente” e sulla sincerità. Ad esempio le fonti islamiche ci testimoniano di un grande numero di conversioni dopo l’omicidio di una donna che ebbe a criticare l’islam:

Quando l’apostolo ebbe udito ciò che aveva detto, esclamò “Chi mi toglierà di mezzo la figlia di Marwan?” Umayr bin Adiy al-Khatmi, che era con lui, lo udi, e quella stessa notte andò nella sua casa e la uccise. Al mattino andò dall’apostolo e gli disse che cosa aveva fatto, e Maometto disse: “Tu hai dato aiuto a Dio e al Suo apostolo, o Umayr!”. Quando egli domandò se non dovesse temere qualche conseguenza negativa per il suo gesto l’apostolo disse: “due capre non si prenderanno a cornate per lei” così Umayr tornò fra la sua gente… Il giorno dopo la morte di Bint Marwan gli uomini di B. Khatma diventarono musulmani perché avevano visto il potere dell’islam. ix

Se gli uomini di Khatma diventarono musulmani dopo che ebbero visto il potere dell’islam sulle altre persone, molti altri si convertirono per il rischio dell’incolumità della loro stessa vita. Ka’b bin Zuhayr aveva sentito che Maometto ”aveva ucciso alcuni uomini della Mecca che avevano fatto satira su di lui e lo avevano insultato e che i poeti coraisciti che erano sopravvissuti… erano fuggiti in tutte le direzioni”.x Il fratello diede a Ka’b il consiglio di andare da Maometto e di convertirsi prima che fosse troppo tardi. Ka’b diede retta al fratello:

Quando Ka’b ricevette la missiva si angosciò e venne in ansia per la propria vita. I suoi nemici del vicinato diffusero notizie minacciose su di lui dicendo che era pronto per essere massacrato. Senza via d’uscita, scrisse allora un’ode in cui lodava l’apostolo e menzionò il suo timore e le minacce dei nemici. Dopodiché partì per Medina e si fermò da un conoscente a Juhayna, da quanto ne so. Egli lo condusse dall’apostolo, che era intento nella preghiere del mattino, e pregò con lui. L’uomo gli indicò apostolo e gli disse di andare e di chiedergli la grazia della vita. Egli andò e si sedette vicino all’apostolo e mise le sue mani nelle sue, e l’apostolo non sapeva chi fosse. Allora disse: “O apostolo, Ka’b bin Zhayr è venuto per chiedere a te la salvezza come musulmano pentito. Lo accetterai, se viene a te così? Quando l’apostolo rispose di sì, egli confessò di essere Ka’b bin Zhayr.” xi

La storia mostra che altri vennero apertamente minacciati di morte (in presenza di Maometto) se non si fossero convertiti:

Maometto disse: Guai a te Abu Sufyan, non è l’ora che tu riconosca che sono l'apostolo di Dio?” Egli rispose: “ A questo proposito ho ancora dei dubbi.” io gli dissi “Sottomettiti e testimonia che non c’è Dio che Allah e che Maometto è l’apostolo di Allah, altrimenti ti taglierò la testa” ed egli si sottomise.”xii

Abu Sufyan dubitava della profezia di Maometto, ma gli venne detto di convertirsi se non voleva che gli tagliassero la testa. Consapevole della quantità innumerevole di omicidi precedentemente commessi da Maometto, Abu Sufyan si sottomise al profeta
Quindi, la paura di essere uccisi ha avuto un ruolo fondamentale nella conversione all’islam. Poiché l’islam non si è radicato finché Maometto non ha iniziato a diffonderlo con la violenza, la minaccia di morte è stato probabilmente il principale fattore nella prima fase di diffusione dell’islam.
(Per saperne di più sull’uso della violenza da parte di Maometto, vedi "Murdered by Muhammad.")
Conclusione
Sono molti i motivi che hanno portato alla rapida diffusione dell’islam. Maometto ha fatto convertiti grazie alla sua forza di persuasione e sincerità, e molti furono colpiti dai suoi atti di gentilezza, dalle sue gesta caritatevoli e dalla sua dedizione alla preghiera. Nondimeno, queste non sono necessariamente ragioni valide per la conversione ad una religione. Noi possiamo raffermare in modo ragionevole che un vero profeta deve essere sincero e impegnato nella sua religione, ma non possiamo da ciò concludere che ogni persona impegnata e sincera sia un vero profeta. Nel corso della storia molti leader religiosi hanno dimostrato qualità degne di ammirazione, ma ciò non dimostra che la loro religione fosse vera.
Nella scelta della religione, l’anima di una persona può rimanere incerta. Non è una decisione che si possa prendere alla leggera. La conversione deve essere una svolta nella direzione della verità, non solo seguire la direzione di una “personalità vincente”. Abbiamo visto come molte persone si sono convertite all’islam perché colpite dall’abilità di Maometto a spingere gli uomini all’omicidio, dalla sua sicurezza nelle sue rivelazioni, anche se molte di queste si sono dimostrate false. Infine Maometto ha fatto convertiti grazie alla promessa di bottino e ricchezze e con le minacce di morte. Non sono buone ragioni per adottare un sistema di fede.

Ciò non significa che non ci siano buon ragioni per dedicarsi ad una religione. Sto solo osservando che occorre prestare attenzione a dove mettiamo la nostra fede, perché insegnamenti falsi e falsi maestri abbondano nel mondo. Ma la verità esiste sempre, semplicemente non si trova nell'islam. Tuttavia esiste un’altra religione che, come l’islam, si è diffusa molto rapidamente. Come i primi musulmani, i suoi seguaci erano totalmente dedicati. Come per Maometto, anche il suo fondatore era sincero ed eloquente. Non si è diffusa con la violenza, xiii o con false profezie, o con l’esca della conquista di ricchezza. Invece si è diffusa perché il suo fondatore, Gesù di Nazareth, è risorto dai morti. Il miracolo ha mostrato il sostegno divino al messaggio di Gesù, e che quindi dobbiamo dare credito al suo messaggio. Ma qual era il messaggio? Gesù disse che sarebbe morto sulla croce per i peccati del mondo e che, avendo fede in lui, avremo la vita eterna. Il cristianesimo è la sola religione che ha le prove storiche della propria autenticità. E’ la sola religione di cui possiamo sapere che è vera. I primi cristiani, diversamente dai primi musulmani, avevano buoni motivi per convertirsi.

i Abul, A’la Mawdudi, Towards Understanding Islam (New York: Islamic Circle of North America, 1986), p. 58, 59, 67.
ii Ibn Ishaq, Sirat Rasul Allah (The Life of Muhammad), A. Guillaume, tr. (New York: Oxford University Press, 1980), p. 369.
iii Sahih Al-Bukhari, Dr. Muhammad Matraji, tr. (New Delhi: Islamic Book Service, 2002), Number 3329.
iv Sahih Al-Bukhari, Number 2787.
v Ibid., Number 3027.
vi Ibn Ishaq, p. 596.
vii Sahih Muslim, Abdul Hamid Siddiqi, tr., Number 2313.
viii Ibn Ishaq, pp. 453-454.
ix Ibid., p. 676.
x Ibid., p. 597.
xi Ibid., p. 598.
xii Ibid., p. 547.
xiii I musulmani potrebbero controbattere dicendo che i cristiani hanno usato la violenza con le crociate, l’inquisizione ecc, Tuttavia occorre osservare che l’uso della violenza è sorto solo dopo che il cristianesimo si è identificato con l’impero romano. Una volta che la chiesa si è alleata con gli imperatori romani, ha optato per il modo di agire tipicamente romano. Questo è stato un errore da parte dei cristiani, ma non ha a che fare con l’insegnamento di Gesù. La violenza non ha spazio nella diffusione del cristianesimo degli inizi. L’uso della violenza è contrario agli insegnamenti di Gesù (Matteo 5,38-67), per cui, mentre la violenza è coerente sia nelle parole che nelle azioni di Maometto, non lo è con le parole e le azioni di Gesù




Nessun commento:

Posta un commento